Mi TV

Xiaomi ha venduto ben 2,85 millioni di Mi TV nel Q1 2019 (+93,9%)

Xiaomi Mi Mural TV

Gli smartphone non sono l’unica categoria di dispositivi che sta registrando una crisi. Anche la buona vecchia televisione non vede abbastanza richieste, almeno nel primo trimestre di quest’anno. Secondo gli ultimi numeri della società di ricerca TrendForce, nel primo trimestre del 2019 sono state spedite ben 49,87 milioni di unità TV, un incremento dello 0,5% rispetto allo stesso periodo del 2018, ma in realtà un calo del 24,6% rispetto all’ultimo trimestre del 2018 che includeva anche lo shopping natalizio. Da questi numeri tuttavia a sorridere maggiormente è stato Xiaomi.

I maggiori guadagni, mentre tutti intorno a loro sembrano perdere, sono andati alle società cinesi Xiaomi e TCL. Nella classifica corrente, Samsung continua a guidare lo spazio TV con 9,42 milioni di spedizioni nel primo trimestre del 2019, numero che però si riduce del 5,8% rispetto al primo trimestre del 2018. L’altra società coreana, LG Electronics, mantiene il secondo posto con 6,5 milioni di TV spedite a livello globale. Ma LG ha anche visto un calo del 7,1 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Entrambe le aziende fanno affidamento sulla domanda di nuove tecnologie: Samsung sta spingendo la tecnologia del pannello QLED mentre LG continua a spingere la tecnologia OLED per i propri televisori.

I maggiori guadagni sono tuttavia andati a Xiaomi e TCL. Xiaomi ha spedito 2,85 milioni di unità, il che rappresenta un aumento del 93,9 percento rispetto al primo trimestre del 2018. Questo rappresenta il secondo trimestre consecutivo di crescita per i Mi TV.

TCL ha spedito 5,6 milioni di unità nel trimestre, con un balzo del 43,1 percento. L’unica altra azienda in crescita nell’elenco dei primi 10 è Skyworth, la società che vende anche attraverso il marchio Metz in India: essi hanno visto un aumento del 6,8% nelle spedizioni, con 2,35 milioni di TV vendute. La società giapponese Sony, che produce i famosissimi televisori Sony Bravia, ha spedito infine solo 2,10 milioni di unità, con un calo del 16,7%.

I numeri nel prossimo trimestre potrebbero offrire letture interessanti. Aziende come HiSense e TCL hanno fatto molto affidamento sul mercato nordamericano per incrementare le vendite. Potrebbero essere significativamente influenzati dalla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Xiaomi, d’altro canto, fa molto affidamento sulle vendite di Mi TV in India e in altri paesi asiatici, dove è riuscito ad ottenere una trazione significativa grazie ai televisori davvero economici che offrono grandi prestazioni e funzionalità Smart.

Via

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.