Mi TV

Il mercato delle Smart TV è in pieno boom in Europa ma le Xiaomi Mi TV sono ancora un miraggio

Xiaomi Mi TV 4A
Aliexpress WW

Nonostante riportiamo frequentemente degli ottimi risultati che le Xiaomi Mi TV ottengono nei mercati asiatici, concludiamo sempre con una nota di tristezza in quanto l’azienda non li ha ancora portato qui da noi. E il motivo rimane avvolto nel mistero, visto che gli ultimi dati parlano di un boom nelle vendite dei TV concorrenti.

La società di ricerche di mercato IHS Markit ha pubblicato i dati del primo trimestre 2019 per il mercato della smart TV. Secondo i dati, il mercato è in costante crescita, così come il braccio dominante delle Samsung Smart TV che continua a “dettare legge”. La quota di mercato di Samsung nel primo trimestre di quest’anno è stata del 29,4%, in aumento dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (28,6%), classificandosi al primo posto.

Negli ultimi anni, il mercato delle TV QLED è cresciuto rapidamente. Secondo le statistiche, il volume totale delle vendite dei televisori QLED nel primo trimestre di quest’anno è stato di circa 912.000 unità. Questo è oltre 2,5 volte rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Un totale di 3.367 milioni di unità di televisori QLED sono state spedite lo scorso anno e, con le stime per il primo trimestre, c’è la probabilità che la spedizione di quest’anno sia più alta.

Con Xiaomi che non è ancora entrata nel mercato delle TV OLED, il boom della tecnologia QLED dovrebbe rappresentare un motivo più che valido per espandere il mercato delle Mi TV anche in Europa.

I dati della ricerca rivelano anche l’amore per i grandi schermi da parte dei consumatori a livello globale. La quota di mercato dei televisori da 69-70 pollici è aumentata in modo significativo. Rispetto allo scorso anno, la quota di mercato delle smart TV da 70 pollici è aumentata dal 5,1% al 7,6%, mentre le quote di mercato dei televisori da 60-69 pollici sono aumentate dal 14,8% al 19,1%.

Via

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.