Accessori

Xiaomi lancia le Redmi AirDots, auricolari true wireless da 13 euro

Redmi AirDots

Ricordate le Xiaomi AirDots? Ebbene, nella giornata di ieri in cui abbiamo assistito alla presentazione di Redmi 7 e Black Shark 2, sono state presentate le Redmi AirDots, versioni molto simili nel design ma dal costo di appena 13 euro.

Il brand Redmi quindi non si sta occupando solo di smartphone ma lo si sta cercando di espandere anche agli accessori. E, considerando che gli auricolari true wireless sono la categoria più in crescita insieme agli smart speaker, quale miglior accessorio.

Le Redmi AirDots si connettono tramite Bluetooth 5.0 e dispongono di driver da 7,2 mm. C’è un DSP integrato con “riduzione del rumore ambientale”. Non è chiaro se questa è vera cancellazione del rumore attraverso un microfono supplementare, ma le probabilità sono che funziona solo per le chiamate.

Ci sono zone touch su ogni auricolare con controlli ben specifici che, ancora una volta, sono molto simili a quelli delle Xiaomi AirDots. Cosa molto interessante, un doppio tocco può convocare l’assistente vocale. Funziona con Siri su iPhone e con Google Assistant sugli smartphone  Android.

In termini di autonomia, gli auricolari possono durare fino a 4 ore da soli mentre la custodia per il trasporto estende a 12 ore la durata. Ogni auricolare carica la sua batteria da 40 mAh in 1,5 ore mentre la batteria da 300 mAh presente nel case ha bisogno di 2 ore. Avendo avuto esperienza diretta con le versioni a brand Xiaomi e considerando che si tratta di auricolari in-ear da appena 4,1 g, crediamo che l’ergonomia sia ottima.

Per quanto riguarda la disponibilità, le Redmi AirDots saranno disponibili in Cina a partire dal 9 aprile nella sola colorazione nera (unica vera differenza estetica rispetto alla versione Xiaomi che è disponibile in bianco) al costo di 13 euro (al cambio).

Purtroppo non abbiamo alcuna indicazione per il mercato europeo anche se, come spesso accade per gli accessori Xiaomi più popolari, probabilmente verrà commercializzata attraverso i canali degli importatori.

Fonte

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.