Smartphone

Xiaomi mostra in video il prototipo finale di smartphone flessibile

Xiaomi smartphone flessibile

Sappiamo benissimo che il 2019 sarà l’anno degli smartphone flessibili, con Samsung ed LG in pompa magna seguiti da Huawei, Lenovo e vivo. All’appello però c’è anche Xiaomi che, attraverso un video pubblicato dal suo presidente Lin Bin, ha mostrato il prototipo finale di smartphone flessibile.

Quello che vedete in basso è il presidente di Xiaomi mentre utilizza, in maniera del tutto normale, uno smartphone flessibile. Si tratta di un dispositivo in grado di piegarsi, verso l’esterno, in tre diverse parti, rendendolo a richiesta un tablet di piccole dimensioni o uno smartphone.

Con il display completamente aperto, il dispositivo ha dimensioni non troppo differenti da quelle di un piccolo tablet mentre quando le due zone laterali del pannello vengono ripiegate si passa ad un form factor da smartphone.

Stando a quanto dichiarato dallo stesso Lin Bin, alle già enormi difficoltà di sviluppare un prototipo con display flessibile (di cui non sappiamo la provenienza) è stato dovuto fare un ulteriore processo di sviluppo sulla MIUI per adattarla al meglio ai diversi form factor che può assumere lo smartphone flessibile.

Al momento non sappiamo quando esattamente Xiaomi ha intenzione di togliere il velo sul vero e proprio smartphone flessibile di prima generazione anche se, dal momento quello mostrato in video è il prototipo finale, non dovemmo essere molto lontani.

A questo proposito, vi ricordiamo che Xiaomi sarà presente al MWC 2019 di Barcellona con un evento stampa organizzato per il 24 febbraio. Noi abbiamo ipotizzato la presenza del Mi MIX 3 5G e forse del Mi 9 ma chissà che Xiaomi non voglia sorprenderci mostrando il suo primo smartphone flessibile.

Prima di lasciarvi, vi vogliamo fare notare che il filmato ricaricato su YouTube non è l’originale ma un ricaricamento di quello pubblicato su Weibo per una maggiore comodità di condivisione in occidente.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.