Xiaomi

Xiaomi ricompra 6 milioni di azioni

xiaomi-ceo-lei-jun
Aliexpress WW

Dopo un periodo di lockup che ne vietava la vendita, Xiaomi ha ricomprato 6 milioni di azioni della sua stessa società da azionisti terzi.

La società ha acquistato le azioni di Classe B ad un prezzo medio di 9,76 HKD ($1,24), per un totale di circa 60 milioni di HKD. La società ha chiuso a HKD 10,16, in rialzo di poco più del 4% rispetto a giovedì. “Il consiglio di amministrazione ritiene che le attuali risorse finanziarie del gruppo consentano di attuare il riacquisto delle azioni mantenendo al contempo una solida posizione finanziaria“, ha detto un responsabile di Xiaomi in un comunicato alla redazione di TechNode, aggiungendo che la sua proposta dei marchi con prodotti a costi contenuti “sarà ancora più convincente nelle attuali condizioni di mercato.

In un incontro annuale all’inizio di questo mese, Lei Jun, CEO di Xiaomi, ha annunciato un piano di investimenti da 10 miliardi di RMB (circa $1,5 miliardi) in intelligenza artificiale (AI) e dispositivi intelligenti nei prossimi cinque anni. La società ha detto di avere fiducia nelle sue prospettive di business, che è guidata dai suoi smartphone e dalla strategia AIoT – un termine usato per descrivere la convergenza delle tecnologie di intelligenza artificiale e internet delle cose.

Le azioni di Xiaomi sono state influenzate negativamente da quando il mercato globale dell’elettronica di consumo si è raffreddato nel 2018 e la società intende dare una spinta al mercato“, ha riferito Jin Di, storico osservatore del settore ed ex analista con la società di ricerca International Data Corporation.

Xiaomi Logo

Egli ha aggiunto che le società quotate in genere acquistano azioni in questo periodo dell’anno, una mossa che mira a stabilizzare il loro valore di mercato pur mostrando il flusso di entrate. Il prezzo delle azioni di Xiaomi è crollato del 20% circa nei giorni precedenti la scadenza del periodo di lockup della società di sei mesi. La società ha visto il suo valore di mercato quasi dimezzato da quando è stata resa pubblica a Hong Kong lo scorso luglio.

All’inizio di questa settimana, il prezzo delle azioni della società è calato del 3% in seguito alla vendita di 231 milioni di azioni di classe B da parte di un investitore non divulgato. “Le prestazioni commerciali di Xiaomi, in particolare nei servizi Internet, non erano abbastanza entusiasmanti, non riuscendo a migliorare la fiducia degli investitori e adempiere alle promesse fatte dall’azienda durante la sua IPO“, ha affermato Jin.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.