Xiaomi

Xiaomi crolla in borsa per via di vendite inasaspettate di azioni

Nel momento in cui Xiaomi è stata quotata in borsa, è stato sottoscritto un accordo con tutti i membri interni che detengono un pezzo di proprietà che vietava la vendita di anche una sola azione entro i primi 6 mesi dalla quotazione. Ebbene, i 6 mesi sono scaduti e delle mosse azzardate di alcuni hanno fatto si che il titolo perdesse addirittura il 38%, facendo passare il valore delle azioni dai HK$17 ai HK$10.58.

Più di 3 miliardi di azioni sono state sbloccate dopo i 6 mesi di fermo, pari a circa il 19% di quelle in circolazione, secondo i dati compilati da Bloomberg. Il periodo di lockup per gli azionisti di controllo – come il presidente e fondatore Lei Jun – è stato prolungato mercoledì per altri 365 giorni, ha detto Xiaomi in un comunicato. In precedenza doveva scadere a luglio.

Scoperta dai banchieri lo scorso anno come risposta della Cina ad Apple, Xiaomi ha cercato una valutazione che l’avrebbe resa la più costosa azienda di smartphone al mondo. Ciò non è avvenuto ma è comunque ancora il 37% più costoso di Apple, che si sta riprendendo dalla sua peggiore disfatta trimestrale in più di un decennio.

Per essere sicuri, gli investitori a lungo termine potrebbero voler mantenere le azioni di Xiaomi piuttosto che venderle in perdita. In media, gli analisti prevedono ancora che Xiaomi raggiungerà il suo obiettivo della IPO.

Ad ogni modo, prima di lasciarvi, vi vogliamo ricordare che per rimanere sempre informati sull’universo MIUI e sulle novità di Xiaomi Italia, oltre a seguire il nostro blog (e il nostro gemello Miui.it) e i nostri social, vi consigliamo di unirvi alla Mi Community (anche attraverso l’app ufficiale), dove troverete moltissimi utenti pronti ad aiutarvi e a condividere le loro opinioni su tutto ciò che riguarda Xiaomi.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.