Xiaomi

Xiaomi ha venduto 34,3 milioni di smartphone nel Q3 2018, divenendo di nuovo il quarto produttore al mondo

Xiaomi Redmi 6 Pro

Attraverso la nuova ricerca di mercato relativa al terzo trimestre del 2018 di IDC, abbiamo scoperto che Xiaomi è riuscita a vendere ben 34,3 milioni di smartphone nel mondo, diventando nuovamente il quarto produttore.

Secondo la società di ricerche di mercato, Xiaomi ha spedito un totale di 34,3 milioni di smartphone nel terzo trimestre del 2018. Questa cifra è di 6 milioni di unità superiore rispetto allo stesso trimestre del 2017. Xiaomi ha anche aumentato la sua quota di mercato passando al 9,7% contro il 7,5% per lo stesso periodo dell’anno precedente.

Per quanto riguarda l’obiettivo annuale, il colosso cinese ha rivelato di averlo raggiunto. Finora, ha spedito 100 milioni di smartphone e tale cifra è destinata ad aumentare nel momento in cui verranno pubblicati i report per l’ultimo trimestre dell’anno.

Xiaomi 100 milioni di smartphone 2018

Nel complesso, nel terzo trimestre del 2018 sono stati venduti 355,2 milioni di smartphone, in calo del 6% rispetto a quanto fatto nel terzo trimestre del 2017. Questo è un segno che il mercato è ormai saturo e potenzialmente non vi è più possibilità di crescita generale.

Dando uno sguardo alle altre posizioni, Samsung è ancora il primo marchio di smartphone al mondo con una quota di mercato del 20,3%, ma le sue spedizioni per il terzo trimestre sono oltre 10 milioni in meno rispetto a quanto spedito nello stesso trimestre del 2017.

Huawei rivendica il secondo posto, grazie a consegne di 52 milioni di smartphone nel terzo trimestre. Questo è un enorme aumento quando lo si confronta con i 39,1 milioni di unità spediti nel Q3 2017.

Apple è la terza azienda di smartphone al mondo con una quota di mercato del 13,2% e una spedizione di 46,9 milioni di unità nel terzo trimestre 2018.

OPPO chiude la top list 5 con 29,9 milioni di unità spedite e una quota di mercato dell’8,4%.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.