Accessori

Xiaomi AirDots TWS Youth ufficiali, ecco la risposta Xiaomi alle AirPods

Xiaomi AirDots TWS

L’evoluzione del marcato degli auricolari ha subito un forte scossone quando Apple ha lanciato le proprie AirPods, ovvero le prime vere soluzioni completamente wireless a raggiungere il mercato di massa. Da allora molti competitor hanno realizzato la loro versione, non ottenendo però lo stesso successo. Adesso è la volta di Xiaomi, che ha nelle scorse ore presentato le nuove Xiaomi AirDots TWS Youth Edition.

Per chi non lo sapesse, questo genere di auricolari sfrutta il segnale Bluetooth che viene trasmesso da uno smartphone a uno degli auricolari (che funge da master), il quale lo ri-trasmette all’altro auricolare per un perfetto audio in stereo.

Le Xiaomi AirDots TWS Youth Edition senza dubbio traggono ispirazione dalle Airpods e anche il nome sembra simile. Tuttavia, il design è completamente diverso.

L’estetica delle nuove arrivate infatti è simile al Mi Bluetooth Wireless Earbud che è stato rilasciato non molto tempo fa. Un’altra cosa che le Xiaomi AirDots TWS non condividono con le AirPods è il prezzo. Mentre per le AirPods sono necessari 169 euro, per le Xiaomi AirDots TWS sono necessari solo 199 yuan (circa 22 euro).

Per un importo molto inferiore, ottenete un prodotto che non possiamo dire della stessa qualità delle Airpods (bisognerebbe provarle per giudicare la qualità audio) ma è dotato di un design di alta qualità, resa sonora e una durata straordinaria della batteria.

Le Xiaomi AirDots TWS Youth Edition utilizzano una connessione Bluetooth 5.0, che è più resistente alle interferenze del segnale rispetto allo standard Bluetooth 4.2 utilizzato negli auricolari Bluetooth concorrenti.

Ciò consente anche una maggiore stabilità, con il problema della disconnessione fra i due auricolari che si verifica molto meno frequentemente.

Fra l’altro, sono degli auricolari estremamente leggeri, visto che pesano solo 4,2 g. In termini di autonomia, Xiaomi indica la possibilità di avere fino a 4 ore di riproduzione musicale continua o di conversazione. L’autonomia in stand by è dichiarata in 12 ore.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.