Smartphone

Xiaomi Redmi Note 6 Pro si mostra in un video unboxing prima ancora della presentazione

Xiaomi Redmi Note 6 Pro

Dopo averlo visto in un video hands-on leaked e su Geekbench, abbiamo avuto un’altra occasione per osservare il nuovo Xiaomi Redmi Note 6 Pro. In rete infatti è stato pubblicato un video unboxing nonostante la presentazione non solo non sia avvenuta ma non è stata nemmeno annunciata.

Il video ci offre una possibilità di dare un’occhiata approfondita al Redmi Note 6 Pro e alla sua confezione di vendita. Esso ci accompagna attraverso l’intero processo fin da quando è ancora all’interno della confezione.

La confezione contiene solo il dispositivo, un cavo USB e un adattatore di ricarica da 10 W che alcuni potrebbero considerare deludenti. Il telefono è dotato di un enorme schermo da 6,26 pollici con risoluzione 19:9 e risoluzione FHD+. Tolta l’area del notch non utilizzabile se non per la visualizzazione delle notifiche, si ottiene uno smartphone con un aspetto di forma più standard di 18:9.

Lo Xiaomi Redmi Note 6 Pro utilizzerà ancora il chipset Snapdragon 636 proprio come il Redmi Note 5 Pro, ma questo particolare modello nel video di unboxing ha solo 3 GB di RAM e 32 GB di spazio di archiviazione. È lecito pensare che il colosso cinese differenzi l’offerta varando il quantitativo di memoria RAM e di memoria interna.

Dal punto di vista software, il fatto che equipaggia la MIUI 10 è un piacere da vedere. Meno lo è vedere che essa si basa su Android 8.1 Oreo e non su Android 9 Pie.

La configurazione fotografica posteriore vede 2 sensori, uno da 12 MP con apertura da 1,4 μm pixel e Dual Pixel AF e uno secondario da 5 MP. Il dispositivo viene fornito anche con due fotocamere frontali da 20MP + 2MP.

Come qualsiasi nuovo modello nel catalogo di Xiaomi, non manca un sensore di impronte digitali montato posteriormente. A “tenere accese le luci” è una batteria da 4000mAh che viene fornita con il supporto alla ricarica rapida.

Per la felicità di molti, sono presenti anche un jack per cuffie da 3,5 mm in alto e un sensore IR.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.