Xiaomi

Il primo Xiaomi Mi Store di Tel Aviv è stato “preso d’assalto” con file di 2000 Mi Fans

Xiaomi Mi Store Tel Aviv

La linea di clienti che hanno aspettato dietro le porte del primo Xiaomi Mi Store di Israele a Tel Aviv è stata di centinaia di metri, all’interno e all’esterno del centro commerciale Dizengoff Center di Tel Aviv. Il primo ad arrivare è arrivato nelle ore del mattino, in attesa di mettere le mani su prodotti scontati al primo flagship store del colosso cinese in Israele, che è stato aperto ufficialmente alle 8 di sera.

In un post di Facebook pubblicato più tardi quella sera, Avi Korenfeld, direttore dello sviluppo commerciale del distributore israeliano ufficiale di Hemingua Xiaomi, ha stimato tra 1.800 e 2.000 persone.

I prodotti nello Xiaomi Mi Store sono stati venduti con grandi sconti per sole tre ore. I clienti fortunati hanno potuto prendere gli scooter elettrici Xiaomi con uno sconto del 30% solo per NIS 1.390 (circa 299 euro), aspirapolvere robotici per NIS 999 (circa 199 euro) e fitness tracker Mi Band 2 completi di una Power Bank per appena 29 NIS (6 euro) con uno sconto dell’85%.

Ma non tutti sono stati fortunati o contenti dell’evento. Commentando la pagina Facebook ebraica di Xiaomi, alcuni utenti hanno affermato di essere rimasti a mani vuote a causa del caos, della violenza e di una scarsità di prodotti. Diverse persone hanno riferito poco dopo le 21:00 che tutti gli articoli scontati erano esauriti.

È un peccato che abbiano portato solo 50 unità per ogni articolo e che le persone rimangano in fila per ore solo per il caos“, ha scritto un utente. Tale utente era anche tra gli utenti che si lamentavano di persone che tagliavano in fila, urlavano e cercavano in tutti i modi di avanzare a scapito degli altri.

Insomma, la grande novità di nuovi prodotti tecnologici la capiamo ampiamente ma è chiaro che non dovrebbe mai accadere quello che è successo a Tel Aviv, non tanto sul fronte Xiaomi (d’altronde hanno tutta la libertà di proporre tante unità in sconto quanto vogliono) ma sul fronte degli utenti.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.