Xiaomi

Xiaomi stacca Samsung e riconquista la prima posizione in India con 10 milioni di smartphone venduti nel Q2

Xiaomi India

Il mercato indiano rappresenta una vera e propria miniera d’oro per i produttori che hanno intuito per primi il suo valore qualche anno fa. Fra di questi troviamo senza dubbio Samsung e Xiaomi che, negli ultimi anni, si stanno giocando il primato per diventare il principale produttore di smartphone. Stando a una ricerca di IDC relativa alle vendite del secondo trimestre 2018, Xiaomi ha conquistato la vetta con ben 10 milioni di spedizioni.

Xiaomi India Q2 2018

Si tratta di un numero molto importante che segna un aumento di 5,2 milioni di smartphone rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Vedendola in percentuale, di anno in anno Xiaomi ha avuto un aumento del 12,5% di market share e del 102,5% relativamente alle unità vendute.

La cosa abbastanza sorprendente è che Apple non figura affatto nelle prime 5 posizioni. Il colosso di Cupertino sta avendo grosse difficoltà a far crescere il proprio mercato indiano in termini di ricavi e profitti allo stesso ritmo degli altri mercato in cui opera.

Da un punto di vista generale, il mercato indiano ha veduto una crescita del volume di vendite, di anno in anno, pari al 19,8%, attestandosi come il principale mercato di crescita in tutto il mondo. Gli smartphone venduti nel secondo trimestre sono stati di 33,5 milioni, in rialzo rispetto ai 28 milioni del secondo trimestre 2017.

Insomma, un’azienda nata appena 8 anni fa ha avuto due delle più grandi intuizioni del secolo (affiancando gli smartphone allo sviluppo della MIUI e l’entrata nel mercato indiano in maniera anticipata rispetto alla grande concorrenza) che l’hanno fatta diventare una delle aziende più acclamate nel mondo della tecnologia consumer.

In attesa di avere i primi dati relativi al mercato europeo di Xiaomi, vi vogliamo ricordare che la bici elettrica Xiaomi Himo V1 Electric Bike è in vendita a 230 euro dopo un periodo di crowfounding che dura dallo scorso mese di giugno.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.