Xiaomi

“The Lucky 56”: ecco i dipendenti Xiaomi che diventeranno miliardari in seguito alla IPO

Xiaomi Logo

Otto anni fa, prima che  Xiaomi avesse venduto un solo smartphone, 56 dei primi impiegati hanno raccolto 11 milioni di dollari per investire nella startup. I finanziamenti sono giunti dal duro lavoro e dai risparmi di amici e familiari ma, guardando a come sono andate le cose e a come stanno per andare, essi adesso possono essere definiti “The Lucky 56“.

Xiaomi è uno dei produttori di smartphone di maggior successo al mondo e sta preparando un’offerta pubblica iniziale di grande successo. La loro partecipazione nella società potrebbe presto valere da 1 a 3 miliardi di dollari, a seconda della vendita di azioni derivanti dalla quotazione in borsa.

La decisione fortuita è iniziata con lavoratori come Li Weixing, un ex ingegnere di Microsoft Corp. che è stato l’impiegato N. 12. Nel 2010, i membri dello staff lavoravano sette giorni alla settimana da un ufficio di Pechino per far funzionare l’azienda e proseguire lo sviluppo della MIUI. Quando si sparse la voce che Lei Jun e i suoi co-fondatori stavano frantumando i propri soldi per trovare dei finanziamenti da venture capitalist, molti altri si sono voluti unire.

Li, che ha contribuito a creare il sistema operativo mobile di Xiaomi, ha risparmiato circa 500.000 yuan ($79.000). “Non è stato abbastanza per comprare una casa, quindi ha chiesto se poteva investire in Xiaomi“, ha detto il CEO Lei Jun in un’intervista rilasciata a marzo alla sede di Pechino. “Abbiamo detto che non possiamo permettere solo a Weixing di investire, quindi lo abbiamo lasciato fare a tutti“.

Alcuni dei primi dipendenti di Xiaomi erano già ricchi, incluso Lei Jun che ha fatto la sua prima fortuna da sviluppatore di software in Kingsoft Corp. e investendo in startup cinesi, ma molti membri dello staff in quei giorni hanno dovuto racimolare denaro per partecipare.

Un altro esempio è il dipendente numero 14, un addetto alla reception che ora lavora nell’ufficio risorse umane di Xiaomi, che ha contribuito con la sua dote che va da 100.000 a 200.000 yuan (da $ 16.000 a $ 31.000). Quell’investimento potrebbe valere tra 1 e 8 milioni di dollari.

Xiaomi ha rifiutato di rendere disponibili per delle interviste altri dipendenti, così come Li ha rifiutato di commentare.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.