Smartphone

Disponibili i sorgenti kernel di Nougat per Xiaomi Redmi Note 5 Pro

Pur essendo un’azienda che tiene molto al software e all’aggiornamento dei propri dispositivi, non si può certo dire che Xiaomi sia un fulmine nel rilasciare i sorgenti kernel. Di fatto, passando di solito diversi mesi dalla presentazione per la disponibilità pubblica dei sorgenti. Stranamente però, nel caso di Xiaomi Redmi Note 5 Pro sono stati necessari solo due mesi.

Xiaomi ha rilasciato i sorgenti del kernel basati sulla versione Android 7.1 Nougat. La versione indiana di Xiaomi Redmi Note 5 Pro non ha ancora ricevuto il suo aggiornamento Android 8.1 Oreo, ma è disponibile una ROM globale MIUI basata su Oreo.

Il divario di tempo tra il rilascio del dispositivo e il rilascio delle fonti del kernel è stato meno di due mesi. Il gap temporale non è l’ideale, ma è molto meglio del rilascio del codice sorgente del kernel ritardato per il Mi A1. Speriamo che Xiaomi possa migliorare la velocità di rilascio dei sorgenti del kernel.

Ricordiamo comunque che si tratta di un’ottima notizia che però non va ad impattare direttamente sugli utenti finali.  C’è da dire infatti che i codici sorgenti sono utili agli utenti solo in maniera indiretta. Infatti, nonostante essi non possano essere utilizzati per niente di immediato, permettono un’ottimizzazione molto avanzata delle ROM AOSP di terze parti.

Tra l’altro, trattandosi dei sorgenti kernel basati su Nougat, non vi è modo di ottimizzare al meglio le ROM dotatndole del supporto al Project Treble. Supporto che, stando a quanto abbiamo appreso in passato, dovrebbe essere presente nel momento in cui verrà aggiornato ad Android 8.1 Oreo.

Per chi non lo sapesse, il Project Treble consiste nella separazione in compartimenti ben definiti delle varie parti che compongono il firmware per uno smartphone: i driver, il sistema operativo (AOSP) e la ROM personalizzata dai produttori. Ciò significa che il fornitore del SoC si occupa dei driver, Google si occupa di Android e i produttori devono solo aggiornare la loro ROM.

A ogni modo, nel caso foste interessati al download dei sorgenti kernel, vi basterà cliccare sul seguente link:

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.