Smartphone

Xiaomi Mi A1: disponibili i sorgenti kernel basati su Oreo

Xiaomi Mi A1

A distanza di circa due mesi dal rilascio dell’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo di Xiaomi Mi A1, il colosso cinese ha finalmente rilasciato i sorgenti kernel basati proprio sul firmware di Oreo.

Si tratta di un’ottima notizia che però non va ad impattare direttamente sugli utenti finali.  C’è da dire infatti che i codici sorgenti sono utili agli utenti solo in maniera indiretta. Infatti, nonostante essi non possano essere utilizzati per niente di immediato, permettono un’ottimizzazione molto avanzata delle ROM AOSP di terze parti.

Fortunatamente, non c’è carenza di ROM personalizzate disponibili per Xiaomi Mi A1, per via del “grande affetto” che la comunità di modder ha nei confronti di questo smartphone. Tra l’altro, facendo parte del progetto Android One, gli aggiornamenti dovrebbero essere assicurati almeno fino ad Android Q.

Ricordiamo che in futuro il rilascio dei sorgenti kernel non avrà più molto senso per quegli smartphone che supportano il Project Treble. Di fatto, esso permetterà aggiornamenti molto più rapidi ai produttori e sviluppo molto più rapido di ROM AOSP alla comunità di modder.

Per chi non lo sapesse, il Project Treble consiste nella separazione in compartimenti ben definiti delle varie parti che compongono il firmware per uno smartphone: i driver, il sistema operativo (AOSP) e la ROM personalizzata dai produttori. Ciò significa che il fornitore del SoC si occupa dei driver, Google si occupa di Android e i produttori devono solo aggiornare la loro ROM.

Il Project Treble è parte integrante di Android 8.0 Oreo solo se quest’ultimo viene pre-installato su di un nuovo smartphone. In caso di aggiornamento da Nougat, l’utilizzo del Project Treble è solo facoltativo.

A ogni modo, nel caso foste interessati al download dei codici sorgenti di Xiaomi Mi A1 basati sul firmware di Oreo, vi basterà cliccare sul seguente link che vi riporterà sulla pagina dedicata di Github:

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.