Xiaomi

Xiaomi India: nel 2018, 6 nuovi smartphone e 100 nuovi Mi Home Store

I piani di sviluppo di Xiaomi per il mercato indiano sono tanto ampi quanto quelli per la Cina. Di fatto, il sub-continente asiatico rappresenta il mercato più in crescita per quanto riguarda gli smartphone e la tecnologia in generale, motivo per cui è l’obiettivo di molti. Essendosi mossa in anticipo rispetto alla concorrenza, Xiaomi adesso ha la leadership del mercato.

Stando alle parole rilasciate da Manu Kumar Jain, il VP Global di Xiaomi India, il progetto per il 2018 prevede il lancio di 6 nuovi smartphone e l’apertura di almeno 100 nuove Mi Home Store.

Il nostro viaggio in India è appena iniziato. Possiamo ottenere molto di più su ogni fronte.

L’incubatore hardware di Xiaomi investirà in pieno l’India

Grande spazio verrà lasciato anche alle acquisizioni di start-up e al loro finanziamento. In pratica, Xiaomi vuole ripetere quanto sta facendo in Cina con il suo incubatore hardware anche in India.

Jain non ha specificato quanti investimenti iniziali l’azienda realizzerà nei prossimi 12 mesi, ma l’obiettivo quinquennale dell’azienda suggerisce che l’azienda cinese cercherà di finanziare una media di quasi due dozzine di start-up all’anno nei prossimi 4- 5 anni.

L’India sta cambiando drasticamente. Crediamo davvero che l’India diventerà enormemente digitale nei prossimi cinque anni e vogliamo contribuire a promuoverla. Vorremmo aumentare il ritmo degli investimenti per sostenere queste aziende indiane. In India, abbiamo iniziato con investimenti più piccoli… ma se ce n’è bisogno, possiamo realizzare finanziamenti più grandi.

Non solo smartphone

Xiaomi sta attualmente valutando di introdurre una serie di nuovi prodotti in India, ma non ha ancora deciso se farlo o se modificarli a tal punto da adattarli agli usi delle persone indiane.

Abbiamo scooter intelligenti, abbiamo biciclette  intelligenti, depuratori d’acqua intelligenti, bilance, cucine intelligenti, scarpe intelligenti, ecc., La gente continua a parlare di questi prodotti e chiede quando li lanceremo in India. Al momento non sappiamo se quei prodotti andranno bene in India, in primo luogo, e in secondo luogo, anche se dovessimo lanciarli per l’India, dovremmo trovare ilo modo di personalizzarli per gli usi e i costumi indiani.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.