Wearable

Xiaomi scivola al terzo posto nella classifica di vendita dei wearable nel Q4 2017

852Views

Stando agli ultimi dati pubblicati da IDC, nel quarto trimestre del 2017 (il periodo natalizio) Apple ha preso la vetta del mercato wearable portandosi dietro di se anche Fitbit. Xiaomi invece è scivolata al terzo posto con un netto -17,3% rispetto al quarto trimestre del 2016 e un -0,3% rispetto all’intero 2016.

Nonostante abbia dalla sua la miglior smartband nel rapporto qualità prezzo, Xiaomi probabilmente sta pagando la scelta di non rilasciare con celerità una nuova versione di Mi Band. Abbiamo appreso che la Mi Band 3 ha ricevuto la certificazione Bluetooth, per cui potrebbe rifarsi a breve.

La leadership dei wearable di Apple nel 2017 è un importante passo avanti rispetto al 2016, quando la società aveva meno della metà dell’allora leader Fitbit con 22,5 milioni di unità, e 5 milioni in meno rispetto a Xiaomi. A quel tempo, le spedizioni indossabili di Xiaomi stavano crescendo molto più velocemente di quelle di Apple, ma ciò si è ribaltato nel 2017.

Collettivamente, 37,9 milioni di dispositivi indossabili sono stati spediti nel trimestre delle vacanze 2017, in aumento del 7,7 per cento rispetto al trimestre del 2016. Tutte e cinque le principali aziende nella classifica hanno consegnato oltre 1,5 milioni di unità, anche se, ancora una volta, la categoria “Altri” è stata la più grande – sia per il trimestre che per l’anno, con 15,6 milioni di spedizioni nel trimestre e 55,5 milioni per il 2017.

Ciò significa che oltre il 40 percento delle spedizioni indossabili continua a provenire da produttori più piccoli, anche se il numero è in calo mentre le grandi marche, in particolare Apple, continuano a crescere.

L’espansione di Xiaomi verso l’Europa e verso gli USA potrebbe far si che i numeri nel 2018 riprendano a crescere al ritmo del 2016, anche se la concorrenza si sta facendo sempre più ferrea.

Voi come la vedete? Secondo voi Xiaomi fa bene a concentrarsi sulla fascia bassa e sulla fascia media (con gli AmazFit) del mercato oppure dovrebbe tentare a concorrere con Apple Watch e Fitbit Ionic nella fascia premium?

Lorenzo Spada

Lascia un commento