Smartphone

3 cose che avrebbero reso migliori Xiaomi Redmi Note 5 e Redmi Note 5 Pro

Xiaomi Redmi Note 5Via: androidcentral

Ieri sono stati presentati ufficialmente in India i nuovi smartphone di fascia media Xiaomi Redmi Note 5 e Xiaomi Redmi Note 5 Pro. Di essi si è cominciato già a parlare bene per via dell’ottimo rapporto qualità prezzo ma, a mente fredda dopo la presentazione, non abbiamo potuto fare a meno di notare alcune caratteristiche negative che, a nostro modo di vedere, potevano essere migliorate in fase di progettazione.

In particolare, qui di seguito vi mostriamo una lista di 3 difetti che pensiamo avrebbero potuto rendere migliori i due smartphone:

  • Design ed estetica non innovativa: guardando Xiaomi Redmi Note 5 e Xiaomi Redmi Note 5 Pro, non ci si accorge che sono dei nuovi smartphone se non si dà un’occhiata anche alle specifiche. Di fatto, hanno un’estetica troppo simile a quella degli altri modelli già presenti nella line-up.
  • Connettore Micro USB: sappiamo che l’obiettivo di Xiaomi è quello di mantenere la compatibilità con la marea di accessori presenti sul mercato da anni ma, nel 2018, ci saremmo aspettati che il passaggio al connettore USB Type-C fosse cosa fatta per tutti i nuovi smartphone.
  • Supporto Hybrid Dual SIM: l’utilizzo di una seconda SIM all’interno dello smartphone rende perfetto il trasporto di un solo dispositivo sia in ambiente lavorativo che in ambiente personale. Tuttavia, sui nuovi modelli ciò comporta la perdita del lettore micro SD, non potendo espandere la memoria interna.

Voi che cosa ne pensate? Condividete con noi questi pensieri sui piccoli difetti di Xiaomi Redmi Note 5 e Xiaomi Redmi Note 5 Pro oppure pensate che il colosso cinese abbia fatto bene a mantenere un design simile agli altri suoi smartphone (squadra che vince non si cambia), il connettore pi diffuso nel mondo degli accessori e un modulo ibrido per mantenere giù il costo?

Discutetene con noi qui sotto nei commenti oppure sui nostri social.

Lorenzo Spada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.